Il Romitorio

Entrambi gli edifici sono stati ristrutturati e le stanze sono ora pronte a ospitare chi volesse trascorrere del tempo in questo ambiente rustico e inusuale, plasmato nei secoli da attività agricole e religiose. Il Romitorio è circondato dai vigneti e i suoi ambienti comuni ospitano incontri e degustazioni durante la lunghissima estate siciliana.

Il Romitorio e la chiesetta sono due edifici adiacenti che appaiono come un unico complesso, se visti dall’esterno. La loro esistenza è ovviamente legata alla masseria fortificata del Solacium e ne condividono la lunga storia, a sua volta connessa con quella della Sicilia medievale e rinascimentale.

Quando Targia era ancora un villaggio di contadini, quest’area delle proprietà baronali era gestita da una piccola comunità di monache, dedite soprattutto al lavoro nei campi e alla produzione di vino, a cui era anche affidato il compito di fornire una prima scolarizzazione ai bambini del villaggio.

Al momento solo gli ambienti del piano terra sono disponibili ma il piano a lungo termine e di rinnovare tutto l’ex-convento, coltivando anche l’area circostante per fare in modo che giardini e vigneti tornino all’antico splendore. Il Romitorio è il nostro piccolo laboratorio dove cercheremo di fare incontrare il turismo responsabile ed eco-sostenibile con il mondo del vino.

Booking